Il Vangelo del giorno – sabato 28 febbraio 2015

amerai-il-prossimo

Il Vangelo di oggi: Mt 5, 43-48: Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste». Commento al Vangelo di oggi: Oltre all’amore verticale per Dio, nell’eucaristia è anche generato l’amore orizzontale, che urge alla missione…

Continua a leggere

Sposarsi in chiesa fa durare il matrimonio nel tempo

sposarsi-in-chiesa

“La famiglia italiana è cambiata”, titola un’articolata indagine de L’Espresso che, basandosi sui dati Istat, sottolinea come «per quanto la politica provi a ignorare o rimandare le riforme in tema di famiglia e diritti riproduttivi, sui temi etici gli italiani» abbiano «già fatto quel salto che i loro legislatori non sembrano voler accompagnare». Nell’articolo si evidenziano, da un lato, l’aumento del numero delle convivenze e delle separazioni – ma non quello dei divorzi, che «calano per colpa della crisi» – e, dall’altro, la progressiva riduzione dei matrimoni celebrati, specie in chiesa. Il messaggio che traspare è quindi quello del declino della cosiddetta famiglia tradizionale, descritta ormai sul viale del tramonto. Ora, i numeri sulle unioni familiari italiane, da qualunque parte li si prenda, sono in effetti sconfortanti. Vi sono tuttavia alcune considerazioni, con specifico riferimento alle coppie sposate e al matrimonio religioso, che possono tornare utili. La prima è che…

Continua a leggere

Percorso di Quaresima – 9° giorno – venerdi

«Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui» (Mt 17,3). Per pregare Signore Gesù, insegnaci a dialogare con quanti ci hanno preceduto nell’esperienza e nel combattimento della fede. Donaci l’acume dell’intelligenza e l’ampiezza del cuore per saper leggere le Scritture e non avere paura di interpretarne il senso per la nostra vita. Con umiltà ti sei fatto aiutare a comprendere il mistero della tua Pasqua, donaci l’umiltà di non presumere mai di poter capire tutto da soli e insegnaci a dialogare con tutti, imparando a cogliere i segni e i semi della tua presenza in tutto e in tutti. Conversare sia il primo passo per assumere la sfida della conversione quotidiana che comporta una relativizzazione coraggiosa di noi stessi per aprirci agli altri. Kyrie eleison! Per sperare Non siamo soli nel nostro cammino né la nostra vita è una sorta di asteroide casuale che vaga attraverso l’universo…

Continua a leggere

ll Santo del giorno – 27 febbraio – San Gabriele dell’Addolorata

gabrieledelladdolorata

San Gabriele nasce da famiglia aristocratica ad Assisi (Perugia) il 1° marzo 1838. E’ l’undicesimo di tredici figli di Sante Possenti, sindaco della città, e Agnese Frisciotti. Lo battezzano lo stesso giorno con il nome dell’illustre concittadino, Francesco. In casa però sarà sempre chiamato Checchino. Nel 1841 Sante è nominato assessore al tribunale di Spoleto (Perugia), dove si trasferisce con tutta la famiglia. Qui, a meno di 42 anni, muore mamma Agnese. Prima di spirare, vuole vicino a sé Checchino per l’ultimo addio. D’ora in poi sarà papà Sante ad educare i figli, aiutato dalla figlia maggiore Maria Luisa e dalla fidata governante Pacifica. Nel 1844 Checchino inizia le elementari. Nel 1846 riceve la cresima e nel 1851 la prima comunione. A tredici anni affronta gli studi liceali nel collegio dei gesuiti. E’ intelligente, esuberante, vivace, gli piace studiare, riesce ottimamente soprattutto nelle materie letterarie. Compone poesie in latino, le…

Continua a leggere

Il Vangelo del giorno – venerdi 27 febbraio 2015

preghiere

Il Vangelo di oggi: Mc 5, 20-26 : sarà destinato al fuoco della Geènna. In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai”; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna. Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono. Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino…

Continua a leggere

Il digiuno per un cristiano, perchè?

digiuno e astinenza

Vi ripropongo il paragrafo normativo della Nota Il senso cristiano del digiuno e dell’astinenza della Conferenza Episcopale Italiana (1994) che dà delle linee chiare per vivere comunitariamente o singolarmente i precetti quaresimali. DISPOSIZIONI NORMATIVE E ORIENTAMENTI PASTORALI Disposizioni normative 13. Concludiamo la presente Nota pastorale con le seguenti disposizioni normative, che trovano la loro ispirazione e forza nel canone 1249 del Codice di diritto canonico: «Per legge divina, tutti i fedeli sono tenuti a fare penitenza, ciascuno a proprio modo; ma perché tutti siano tra loro uniti da una comune osservanza della penitenza, vengono stabiliti dei giorni penitenziali in cui i fedeli attendano in modo speciale alla preghiera, facciano opere di pietà e di carità, sacrifichino se stessi compiendo più fedelmente i propri doveri e soprattutto osservando il digiuno e l’astinenza». Queste disposizioni normative sono la determinazione della disciplina penitenziale della Chiesa universale, che i canoni 1251 e 1253 del Codice di…

Continua a leggere